La valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro è un aspetto molto delicato per la salute dei lavoratori. Infatti, la rumorosità delle vibrazioni provoca danni di carattere sanitario ed ha risvolti economico-sociali. Altrettanto pericoloso per l’udito è l’esposizione ad ultrasuoni che diventa sempre più una problematica rilevante per la presenza di numerose macchine utilizzanti sorgenti ultrasonore. Pertanto, la presenza di infrasuoni negli ambienti di lavoro deve essere misurata con particolare scrupolosità.

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Il ruolo della CMG

Per la stima di questo rischio la CMG Srl ha in dotazione strumenti sofisticati in grado di misurare i livelli sonori e, sulla base dei risultati, di progettare interventi di bonifica ambientale per la valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro.

  • valutare il rischio rumore in ambienti di lavoro e ad individuare le misure di prevenzione e protezione da intraprendere, nel rispetto della sicurezza dei lavoratori, conformemente allo stato delle macchine e dei luoghi e alle misure di prevenzione e protezione intraprese, nonché ai dati in vostro possesso e alle informazioni sull’emissione di rumore fornite dai costruttori dell’attrezzatura di lavoro
  • individuare i Dispositivi di Protezione Individuale dell’udito (D.P.I.-u) idonei ad attenuare gli effetti lesivi del rumore sulla salute dei lavoratori
  • predisporre ed elaborare il Documento di Valutazione del Rischio Rumore, in ottemperanza della normativa vigente
  • ricercare e segnalare le macchine e le attrezzature progettate per ridurre l’emissione di rumore

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Indagine fonometrica

L’indagine fonometrica negli ambienti di lavoro misura l’esposizione dei lavoratori ai rischi del rumore. Essa prevede la misurazione per ciascuna postazione di lavoro del livello di esposizione giornaliero e del valore massimo della pressione acustica istantanea ponderata in frequenza in dB(C). Al termine dei rilievi per la valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro viene fornita la relazione tecnica di valutazione dei rischi di esposizione personale al rumore per tutte le mansioni previste ai sensi dell’art. 181 del D.Lgs. 81/2008 e relativo calcolo dei valori di livello di esposizione giornaliera al rumore (LEX, 8h) in dB(A).

valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Strumentazione

La CMG Srl utilizza le più moderne apparecchiature di analisi per una valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro conforme agli standard tecnici richiesti dalla normativa vigente, consentendo una puntuale stima dei rischi al fine di realizzare idonee misure prevenzionistiche e protezionistiche.

Alcuni dettagli tecnici della strumentazione in possesso del team CMG per la valutazione dei rischi da rumore:

  • Fonometro* classe 1
  • Intregratore* classe 1
  • Calibratore* classe 1
  • Fonometro integratore mod. delta ohm hd2010

*requisiti richiesti dalla norma UNI 9432:2008 per la valutazione del rumore nei luoghi di lavoro

Tutta la strumentazione è tarata presso i centri LAT

Il laboratorio di taratura ACCREDIA LAT N°124 di Delta OHM è accreditato in metrologia nelle grandezze di: Temperatura, umidità, Pressione, velocità dell´aria, Fotometria-Radiometria, Acustica

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Servizi per Amministrazioni pubbliche ed imprese

  • Misurazioni di inquinamento acustico
  • Valutazione previsionale di clima e impatto acustico per nuovi insediamenti residenziali o infrastrutture di trasporto e per attività esistenti produttive o commerciali
  • Valutazione della rumorosità impianti e progettazione di opere di bonifica
  • Studi previsionali di risanamento acustico (impatto esterno ed ambienti di lavoro) con gestione di acustica architettonica e piano di risanamento in ambienti confinati (comfort acustico)
  • Caratterizzazione acustica impianti e macchine secondo standard UNI, ISO e CEE
  • Controllo del rumore nell’edilizia studi e verifiche dei requisiti acustici passivi degli edifici (studio previsione e/o collaudi in opera)
  • Controllo del rumore nell’edilizia progetti di bonifica acustica in ambienti civili ed industriali (studio previsione e/o collaudi in opera)
  • Valutazioni di impatto acustico
  • Studi di zonizzazione acustica del territorio
  • Mappatura acustica e mappe acustiche strategiche, piani di azione relativi al rumore ambientale
  • Misure e controllo del rumore nell’ambiente urbano (traffico veicolare, ferroviario, ecc.) indagini fonometriche per la valutazione dei livelli di rumorosità negli ambienti esterni ed abitativi
  • Misura del rumore industriale e sul lavoro, calcolo esposizione lavoratori e valutazione rischio rumore in ambiente di lavoro con software dedicato (Testo Unico 81/08): indagini fonometriche per la valutazione dell’esposizione dei lavoratori al rumore

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Altri servizi CMG

  • Misurazione del livello di pressione acustica continua equivalente
  • Misurazione del livello di picco equivalente
  • Misurazione del livello di esposizione al rumore giornaliera (Lex, 8h) o settimanale (Lex, w)

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Il ruolo del datore di lavoro

Si ricorda che la valutazione del rischio rumore e la conseguente elaborazione della relazione tecnica pertinente da allegare al DVR è una fase che richiede elevate competenze tecniche, nonché l’utilizzo di attrezzature di precisione idonee a tal fine. Il datore di lavoro per valutare l’esposizione dei lavoratori al rischio rumore in ambienti di lavoro deve prendere in considerazione ( ai sensi dell’art. 190 del d.lgs. n. 81/08 e s.m.i.):

  • il livello, il tipo e la durata dell’esposizione, ivi inclusa ogni esposizione a rumore impulsivo
  • i valori limite di esposizione e i valori di azione di cui all’art. 189
  • tutti gli effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rumore, con particolare riferimento alle donne in gravidanza e i minori
  • per quanto possibile a livello tecnico, tutti gli effetti sulla salute e sicurezza dei lavoratori derivanti da interazioni fra rumore e sostanze ototossiche connesse con l’attività svolta e fra rumore e vibrazioni
  • tutti gli effetti indiretti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori risultanti da interazioni fra rumore e segnali di avvertimento o altri suoni che vanno osservati al fine di ridurre il rischio di infortuni
  • le informazioni sull’emissione di rumore fornite dai costruttori dell’attrezzatura di lavoro in conformità alle vigenti disposizioni in materia
  • l’esistenza di attrezzature di lavoro alternative progettate per ridurre l’emissione di rumore
  • il prolungamento del periodo di esposizione al rumore oltre l’orario di lavoro normale, in locali di cui è responsabile
  • le informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria, comprese, per quanto possibile, quelle reperibili nella letteratura scientifica
  • la disponibilità di dispositivi di protezione dell’udito con adeguate caratteristiche di attenuazione
  • Per una valutazione puntuale del rischio rumore in ambienti di lavoro è necessario misurare i livelli di esposizione al rumore a cui sono esposti i lavoratori

Valutazione del rischio rumore in ambienti di lavoro – Normativa

Documento di Valutazione dell’esposizione dei lavoratori al Rumore durante il lavoro ai sensi del D.Lgs.81/2008 TITOLO VIII, CAPO II e S.M.I.